Warning: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.associazioneincontriamocisempre.it/home/wp-content/mu-plugins/krbyte.php on line 1

Warning: Declaration of GDLR_Import::bump_request_timeout() should be compatible with WP_Importer::bump_request_timeout($val) in /web/htdocs/www.associazioneincontriamocisempre.it/home/wp-content/plugins/goodlayers-importer/goodlayers-importer.php on line 27
Associazione Incontriamoci Sempre Vincitori Premio Poesia 2011 - Associazione Incontriamoci Sempre
English | French | Spanish | Deutch

Vincitori Premio Poesia 2011

La Giuria composta da: Arturo Cafarelli, Francesca Neri e Giovanna Oro ha proclamato VINCITORI:


  • SEZIONE POESIA IN VERNACOLOPREMIO SPECIALE DELL’ASSOCIAZIONE  A:
  • Bruno Salvatore Lucisano di Brancaleone (RC)  per la poesia  ” Ch’era longu jju trenu “
  • 3° CLASSIFICATO: Domenico Baronetto di Reggio Calabria con la poesia “Quandu ‘ccattìa ‘u suli”
  • 2° CLASSIFICATO: Natale Cutrupi di Reggio Calabria con la poesia  “‘Na rifrittùta”
  • 1° CLASSIFICATO: Demetrio Latella di Reggio Calabria con la poesia “‘U mari r’a vita”

 

  • SEZIONE POESIA IN ITALIANOMENZIONE SPECIALE A:Pasquale Borruto di Reggio Calabria per la poesia “Composte di luce e di tremori”
    Mariangela Costantino di  Reggio Calabria per la poesia“Le foglie gialle”PREMIO SPECIALE “CARLO CRUCITTI” A:Antonio Damiano di Latina per la poesia “Radici”
  • 3° CLASSIFICATO: Sandro Rippa di Catanzaro con la poesia  “M’avanzi nell’estinto Amore”
  • 2° CLASSIFICATA: Loriana Capecchi di Pistoia con la poesia “A mio Padre”
  • 1° CLASSIFICATO: Roberto Delfino di Reggio Calabria con la poesia “Poeta oggi”

1° CLASSIFICATO

DEMETRIO LATELLA

“ ‘U mari r’a vita”

(“Il mare della vita”)

 

[one_half]
Spisiddìa l’argentu supr’o mari

nti ‘na notti queta china i stiddi,


vardu la luna, nci pozzu parrari


r’i disìi chi leggiu nt’e spisiddi.


Dda luna janca, chi si vard’a
mmari,


tagghia ‘u scuru tr’a rribba e ll’unda,


si viri cusì bellu chi mmi pari


ch’esti jornu e nno’ nuttata funda.


Jochi di luci chi fannu pinsari


a rrima ruci a menźu r’i šrambotti


e ll’ànima fannu mbarźamari,


quand’u culuri soi pitta la notti.


N’ta chiarìa lucenti r’a nuttata,


a ‘n cumpagnìa d’umbra e di
pinseri,


vitt’a mašrìa i ll’unda ngrata


chi spasulìa ‘a vita cu misteri.


Batti nt’a rrina quasi pi’
dispettu,


comu fussi ‘na fìmmina tramara,


poi si rritira e mmi mmušra nettu


quantu ‘a vita si ppresenta ‘mara.


‘A rribba si chianìa nta nu
mumentu,


pi’ ll’unda chi ramazza supr’a
rrina,


tuttu sciuga e ssi rritira c’un
lamentu,


a usu fussi ‘na furnaci china.


Allura si, chi rriva lu sgumentu,


p’a vita chi non dassa cchiù
spiranza,


ma quandu si o fundu r’u turmentu


t’adduni chi nc’è Ddiu c’a so’ ‘bbundanza


e mmanda l’unda nov’a a
rinfriscari


e c’a manu Soi eterna di pitturi,


ggiust’ogni cosa, mi ti pò mparari


quantu cunortu runa nt’o duluri.


Chisti sù ‘i signi r’a Natura:


tuttu mori, risorgi e camina


senz’o’ duluri m’esti ‘na śbintura,


pirchì ‘u suli bbrìsci ogni matina.

[/one_half]

[one_half_last]

Sfavilla l’argento sopra il mare

in una notte cheta piena di
stelle,


guardo la luna, le posso parlare


dei desideri che leggo nelle
faville.


Quella luna bianca che si guarda a
mare


taglia il buio tra la riva e
l’onda,


si vede così bello che mi pare


che è giorno e non notte fonda.


Giochi di luce che fanno pensare


alla rima dolce in mezzo agli
strambotti


e l’anima fanno imbalsamare


quando il colore suo dipinge la
notte.


Nel chiarore lucente della nottata


in compagnia di ombre e di
pensieri,


ho visto la maestria dell’onda ingrata


che diffonde la vita con mestiere.


Batte sulla rena quasi per
dispetto


come fosse una femmina tramara
(che sa tramare)


poi si ritira e mi mostra
di netto


quanto la vita si presenta amara.


La battigia s’appiana in un
momento


poi l’onda che stramazza sulla
rena,


tutto asciuga e si ritira con un
lamento


come fosse una fornace piena.


Allora sì, che arriva lo sgomento,


per la vita che non lascia più
speranza


ma quando sei al fondo del
tormento


t’accorgi che c’è Dio con la sua
abbondanza


e manda l’onda nuova a
rinfrescare


e con la mano Sua eterna di
pittore,


giusta ogni cosa, per poterti
imparare


quanto conforto da nel dolore.


Questi sono i segni della Natura:


tutto muore, risorge e cammina


senza che il dolore sia una
sventura


perchè il sole sorge ogni mattina.
[/one_half_last]

Motivazione della Giuria

La contemplazione della notte sul mare induce a meditare sulle amarezze della vita, assimilata appunto al mare battuto costantemente dall’onda. Il discorso poetico approda al conforto della fede e alla constatazione che in natura tuttu mori, risorgi e camina, ma c’è sempre una nuova alba. Una composizione ben strutturata, sorretta da un solido impianto metaforico e dall’accorto utilizzo della rima.

2° CLASSIFICATO

NATALE CUTRUPI

“ ‘Na rifrittùta”

(Una riflessione)

[one_half]

Che beddhu ogni matina quand’abbrisci

ti ffàcci ‘ntò barcùni, vard’ u cèlu

pens’ all’ Onniputènti e non ti ‘ncrìsci

pirchi criau ‘stu mùndu e mis’un vèlu.

Nuàatri ‘u scumbigghiàmmu mù virìmu

approfittand’i tùtt’a sò bbuntà,

scoprimmu c’ogni ttàntu ‘ndì pirdìmu

apoi circamu aiùtu a Ddiu Maistà.

Non sempri ‘a noshra shràta è chiddha giùsta

pirchini sempri ggènti nui ‘ncuntràmu,

vardamuli ‘ntà fàcci, è cos’onesta

no ncì facimu màli: ram’a mànu.

Chi ccosa vogghiu rìri cù stu scrìttu,

c’am’a vvuliri bbèni a tutti quànti

jutàri a cù non pòti e a cù stà strìttu

pi caminàri ddrìtti a pettu avànti.

‘A sira rispiràri à bucca chìna

ropu ‘nu faurèddhu ò bisugnùsu

oppuru rialàndu a ‘na mischìna

cusì ringrazi Ddìu rù tò bon’ùsu.

Ricorditi chi guèrri sù pìrdènti

e i fannu chiddi chì sù prusuntùsi

c’amuri e onestà non hannu nènti:

‘u fannu pì criàri cchiù surprùsi.

‘Ntà terra ‘ncè ggià tànta cunfusìoni

‘mbrazz’all’amici toi e a cù vò bbèni

pur’a chiddi chi sù nimici bbòni

cusì a vita ti pàssa senza pèni.

[/one_half]

[one_half_last]
Che bello ogni mattina quando spunta l’alba

ti affacci al balcone, guardi il cielo

pensi all’Onnipotente e non ti annoi

perchè ha creato questo mondo e mise un velo.

Noi lo abbiamo scoperto per vedere

approfittando della sua immensa bontà

abbiamo scoperto che ogni tanto ci perdiamo

e allora cerchiamo aiuto a Dio Maestà.

Non sempre la nostra strada e quella giusta

perchè sempre gente noi incontriamo

guardiamoli in faccia, è cosa normale

non facciamo loro del male: diamo una mano (d’aiuto).

Che cosa voglio dire con questo scritto,

che dobbiamo volere bene a tutti quanti

aiutare chi sta male e chi vive a stento

per vivere serenamente e con l’animo tranquillo.

La sera respirare a bocca piena

dopo aver aiutato una persona in difficoltà

oppure regalando a una bisognosa

così ringrazi Dio del tuo buon comportamento.

Ricorda che le guerre sono perdenti

e le fanno coloro che sono tracotanti 

che amore ed onestà non hanno per niente:

lo fanno per creare più soprusi.

Nel mondo ci sono già tante ingiustizie

abbraccia gli amici tuoi e chi  vuoi bene

e anche coloro che sono nemici

così la vita trascorre senza preoccupazioni.[/one_half_last]

Motivazione della Giuria

 

Una originale riflessione poetica sui comportamenti umani, che si traduce nella partecipata esortazione alla solidarietà e al ripudio della violenza che garantiscono la tranquillità dello spirito.

Il registro linguistico colloquiale e l’andamento piano del verso, in piena aderenza alla modalità riflessiva segnalata dal titolo, veicolano in maniera persuasiva il messaggio del poeta.

 

3° CLASSIFICATO

DOMENICO BARONETTO

“Quandu ‘ccattìa ‘u suli”

(Quando spunta il sole)

 

[one_half]’A notti è funda, spreca ‘a terra l’urie ‘u cori ‘bbampa

comu ‘nu bracieri;si passa ‘i lèvitu ‘u tempu da’ partitachi schizza

dopu schizza percia ‘a vita.

Vita ‘i petra viva … ‘mmnunzeddata,

o’ suli, all’acqua e o’ ventu distinta,

chi cu’ ti usa sulu pi’ sciaccari

o n’armacera ‘i trìulu iasari.

Quandu ‘ccattia ‘u suli, … vallu a trovari,

‘cchiàppilu a’vvolu e non ti dunniari,

ch’a vita pìgghja spissu ‘a ncurtitura

o gghjòmbiri ‘i sinteri ‘i svintura.[/one_half]

[one_half_last]Profonda è la notte, la terra spreca le oree il cuore

brucia come un braciere; si passa di lievito il tempo della partitache goccia

dopo goccia buca la vita.

Vita di pietra viva… accatastata

al sole, all’acqua e al vento destinata,

che chi ti usa solo per spaccare

o a muro di lamento innalzare.

Quando spunta il sole,… vallo a trovare,

prendilo al volo senza ritardare,

che la vita prende spesso accorciatura

o gomitoli di sentieri di sventura.[/one_half_last]

Motivazione della Giuria:

Il sorgere del sole, occasione fugace da cogliere al volo, è momento transeunte in una vita ‘i petra viva assimilabile a una notte fonda. Le immagini realistiche conferiscono particolare suggestione al discorso poetico, confluendo in una chiusa di felice densità metaforica.

 

PREMIO SPECIALE DELL’ASSOCIAZIONE

BRUNO SALVATORE LUCISANO

“Ch’era longu jju trenu”

(Come era lungo quel treno)

 

 

[one_half]Ch’era longu jju trenu…

Pacchi e valigi ttaccati ca corda

Ddù lacrimi mbrischiati cu suduri

Na canottera russa tutta lorda

Nu cori grandi chinu di doluri.

Tanti ffacciati i chijji finestrini

Attri guardandu jju cappejju russu

Di muntagni, di coti, di marini

Nu sguardu duru na manu nto mussu.

Ch’era longu jju trenuPoi finarmenti nu sonu i frischiottu

Fumu artu di carbuni brushjiatu

Nta na manu nu mmorzu di biscottu

E nta l’attra nu pezzu di salatu.

Cu dormiva nta chijji segg’i lignu

Friddi comu marmu di cimiteru

Comu n’omu chi no dassa signu

Comu fimmina lluttata i misteru.

Ch’era longu jju trenuRrivammu nta stazioni da spiranza

Rrivammu nta stazioni du lavuru

Ojjiu vergini chi ddiventa sanza

E vinu jiaru chi ddiventa scuru.

Ch’era longu jju trenu
[/one_half]
[one_half_last]Come era lungo quel treno

Pacchi e valigie legati con la corda

due lacrime mischiate al sudore

una canotta rossa tutta sporca

un cuore grande pieno di dolore.

Tanti affacciati a quei finestrini

altri a guardare quel cappello rosso

quelle montagne, quelle coste, quel mare

uno sguardo duro una mano sulla bocca.

Come era lungo quel treno

Poi finalmente un suono di fischietto

fumo alto di carbone bruciato

in una mano un pezzo di biscotto

e nell’altra un pezzo di salato.

Chi dormiva su quelle sedie di legno

fredde come il marmo del cimitero

come un uomo che non lascia segno

come una donna coperta di mistero.

Come era lungo quel treno

Arrivammo nella stazione della speranza

arrivammo nella stazione del lavoro

olio vergine che diventa scartito

vino chiaro che diventa scuro.

Come era lungo quel treno[/one_half_last]

 

Motivazione della Giuria:

La composizione coniuga sapientemente la valenza denotativa e quella metaforica del treno, che significa distacco dalla propria terra inteso quasi come equivalente della morte: non a caso i sedili di terza classe  sono freddi come marmo di cimitero. Il treno significa anche speranza di lavoro, pur sempre però connotata da quella sofferenza che risulta  espressa dalle immagini in stile nominale e dalle efficaci similitudini.

 

1° CLASSIFICATO

ROBERTO DELFINO

“Poeta oggi”

 


Qui, dove non giunge l’onda di vane

candele, che si disfano se il sole

più cuoce, in questo tempo di pavoni,

l’onda irosa del balbettio continuo

sbatte forte contro l’esiguo e liso

bastione di difesa. Basta il fiato

a provocare il crollo d’una terra:

l’invasione non conosce più bighe

e l’archibugio nuovo è l’apparire.

Issata è la palma, l’alloro è a terra.

La sabbia assai lucente s’assottiglia,

all’erosione cede i suoi granelli.

Oltre un canneto fitto e la sterpaglia

l’integro suolo accetta le ciurmaglie

sdraiate all’ombra cupa del nonsenso,

per tutte le conchiglie omologante,

e filtra un fioco raggio tra i palmizi

godibile per chi vive per poco.

Caduta ormai è l’esatta architettura,

la baia briosa giace già nel fondo,

mentre il mio piede, sopra brevi lingue,

non cerca vie di fuga verso i lidi

tranquilli del banale,e più non trema

per l’ultimo, imminente smottamento.

 

Motivazioni della Giuria:

Essere poeta oggi in “un tempo di pavoni”: è questo il motivo dominante della composizioneche allude alla difficile arte di evitare la banalità e di far fronte all’epoca della precarietà e dello “smottamento”. Il discorso poetico privilegia ora il continuum favorito dall’enjambement, ora l’elencazione più rapida delle immagini declinate nella misura ben calibrata del verso.

 

 

2° CLASSIFICATA

LORIANA CAPECCHI

“A mio padre”

 

Nelle mani d’argilla semi d’oro avevi padre

curvo sopra il solco aperto al cielo

al vento sulle zolle.

 Sublimazione il corpo tuo di linfa

radice bruna nata dalla vigna.

Siepi di sguardi gli occhi degli uccelli

avidi di saccheggio

un volo

un’onda

inghiottita da un cielo senza fondo.

Brusio dell’uomo. Incenso di preghiera.

Perdono padre chè per te non piansi

il canto della pioggia che si nega

all’erba genuflessa dall’arsura

per grido che non ebbi di risveglio

a un’eco di germogli entro la scorza.

Se non fui braccia buone per la vigna

o sull’aia non ebbi quiete d’ombra

al termine del giorno dividendo

con te dopo fatiche pane e stelle.

Riscriverò le rughe della terra

cento e più lune a guardia della notte

l’incendio di falò nati dal campo

il fiato delle nebbie di novembre

e un’aria aspetterò che infila giorni

di primavera e zoccoli di vento.

Sederò ancora a un tavolo di sogno

nel cerchio della lampada che inserta

ombre sulle pareti ed una veglia

di volti scesi a un’agàpe d’amore.

 

Motivazioni della Giuria:

Un rapporto padre/figlio nel quale dalla contrapposizione iniziale sembrano nascere elementi di sia pur tardiva riconciliazione è il motivo dominante della composizione, caratterizzata dal ritmo diseguale dei versi (talora ridotti alla misura del versicolo) e dalla convincente qualità degli elementi connotativi.

 

 

3° CLASSIFICATO

SANDRO RIPPA

“M’avanzi nell’estinto Amore”

 

Estenua la malinconia il mio sangue di luce

prima nel tuo perduto incanto.

Anche questa Terra genitrice di luce,

che invano, l’ombra non esclude, 

m’ha allevato tra i suoi canali 

dove il giorno fatica a misurarsi.

Del tuo perduto passo, che rinnova il giorno,

oh amore, nell’anima profonda,

ne ho maturi i segni, come aratro che incide,

e sommuove le aperte zolle.

Ed odo solo vento, come vastità che accoglie,

i suoi lamenti ricurvi, le sue armonie invisibili,

dove la morte ,come terra, ha disteso le sue radici

con sinuoso nervo. Vi sono assenze immutate,

rampicanti di lacrime da astro ad astro,

e poi versi a grumi, che alla vita risalgono,

sanguinando. E la parola lacera e rinnova,

come aurora d’estate, equinozio di forme ,

di modulati spazi, segno incorrotto,

in cui le cose si svelano, senza finzione di morte.

M’avanzi, come penombra anemica di luce,

nel tremulo naufragio d’ogni pianto,

nell’estinto amore che s’acerba e infuria, quando si fa sera.

E così l’amore è strada battuta dal tempo,

ignoto dono d’umore e di Terra, mutarsi di forme,

dove breve è l’incedere, seppur nei primi passi,

lo spazio non bastava.

Ma ancora intatta d’umida voglia,

come stagno immobile ,

è l’attesa antica dei tuoi occhi,

che fa vacillare l’ombra,

ed altre rive mi porge, come alla fonte ,

il labbro roseo, tu porgi.

Sei fatta identica al mio sangue, raccolta in vasti moti

nel tonfo dei fluttui, mai dissolti, come luce ad altra fusa,

in impetuoso muoversi d’abisso, ed altra crepa.

Poi tra le alte erbe in sonno,

un tintinnio s’eleva e strugge,

tra l’ale dei sentieri a valle;

è il dolce confondersi dell’acqua, che intona e che canta,

scorrendo tra i mille aghi, nell’intreccio maligno dei rovi,

come la mia vita, trafitta dallo sfacelo dei suoi occhi,

ha intonato inni e canti all’amore.

M’avanzi nell’estinto Amore,

più in fondo dell’inumano grido,

come precoce voglia di durare! 

 

 

Motivazioni della Giuria:

La composizione discorre dalla delineazionedi tratti paesaggistici alla celebrazionedell’amore inteso come strada battuta dal tempo/ ignoto dono d’amore e di Terra e forse come unica salvezza. La complessità dell’impianto compositivo risulta del tutto congruente con la ricchezza delle scelte lessicali e la variegatura delle immagini poetiche.

 

 

PREMIO SPECIALE “CARLO CRUCITTI” 

ANTONIO DAMIANO

“Radici”

 


 

E venne il tempo dei timidi ricordi, della cupa Nostalgia, 

che mai s’aspettava dopo anni di sopore

Trascorsi in quel mondo nuovo, dove tutto

Congiurava a cancellar le voci, i volti del passato

E quei luoghi grami da lungo abbandonati.

E invece quella terra così lontana, così remota

Torna con veemenza ad affiorare nella mente,

Così com’era un tempo, cristallizzata nel ricordo.

E rivede la sua casa di tufo e di mattoni accanto

All’osteria, dove s’adunava la gente a sera

Dopo un giorno di fatica; e quel vicolo scosceso

Che scendeva sulla spiaggia di sabbia e di sole,

Dov’erano i suoi zii ad annodar le reti,

Tra un mare di cristallo ed un cielo del colore

Dei suoi sogni, in cui sperava di volare un giorno.

E dal piazzale della torre muri diroccati, irti

Di memorie più aguzze delle pietre e viuzze lastricate

Lucide di passi e di fatiche, di speranze coltivate

Nel chiuso delle case, sotto un cielo di cobalto,

Che non smette di ‘ingannare chi per troppo amore

Si lega ai suoi sassi, sospingendolo a restare.

E chi fugge non sempre ha radici per radicarsi

Altrove, dove giorno dopo giorno gli rimbalza

Il peso degli antichi affetti, inducendolo a tornare

Come straniero dov’era un dì di casa, …. E fruga.

Fruga nelle vie, nelle corti, nei meandri della mente,

Per ritrovare le orme dei suoi cari, lacerando il velo

D’ombra e di silenzi che lo separa da quei volti

Che lo ebbero tra loro con gli stessi sogni, con gli stessi

Affanni e lo videro passare mentre si avviava

Nella luce verso cieli da sempre sospirati.

E d’improvviso li ritrova, risalendo con dolore,

Gradino per gradino, la scala dei ricordi e quell’ultimo

Sentiero che percorse quando fuggì da loro,

Senza capire quanto di sé lasciava e quanta pena Arreca

recidere quel ceppo che ti fornì la linfa.

Motivazioni della Giuria:

Il recupero delle “radici” avviene in questa composizione grazie alla via diretta del recupero memoriale che riporta viva e vivida alla mente quella terra così lontana, così remota in cui si torna come stranieri. La presenza quasi costante dell’ enjambement e l’alternarsi dei piani temporali accrescono la suggestione derivante dal ripercorrere a ritroso “la scala dei ricordi”.

 

MENZIONE SPECIALE

MARIANGELA COSTANTINO

“Le foglie gialle”

 

 

 

C’è una tristezza

che solo io conosco

non sa gioire

dentro la voce tace

e non conosce carne.

E’ il pianto dei gabbiani

che rompono il silenzio

volando in alto

come i pensieri

nello stormire delle foglie gialle

portate via dal vento

di un’estate.

Foglie cadute

foglie sotterrate

parole in agonia

sono i miei versi ubriachi.

Di me rimane un’ombra

persa nella foresta

che grida al cielo

nubi squarciate

di inutili miserie.

Nel tempo che scompare

sento il nulla

e il sangue scorre lento

nelle foglie

lasciando nudi i rami

nel buio di una rima.

E chiudo gli occhi

attendo un tempo nuovo

la corda di un violino solitario

il sole sorge

correndo al cuore

il suono

una parola ascolta

divienepoesia

rimane la tristezza

dove la voce tace.

 

MENZIONE SPECIALE

PASQUALE BORRUTO

“Composte di luce e di tremori”

 

 

Composte di luce e di tremori

Dinoccolano visioni d’apparenza.

Come la vita sembra che appartenga,

così ilreale sfugge tra le dita.

Pietosi monumenti edificati ostentano scalini di granito,

arranca l’intelletto asmatizzato,

come a Compostela col passo suo alternato.

Etica e umanità si celano dietro siepi d’internet,

come massificati oppiacei di luci e di paillettes!

Mentre all’orizzonte si profila strana

la ialina coltre di Fata Morgana.